Il museo della Vodka a San Pietroburgo

Si dice che nel 988 d.C., quando dovette scegliere una religione per il suo Paese nascente, il principe Vladimir rifiutò l’islam per le sue regole proibitive riguardo al consumo di alcool.

Parte integrante della cultura nazionale, la vodka è il simbolo del carattere del Paese, anche se la sua popolarità è diminuita leggermente negli ultimi anni, a seguito della ribalta di birra e vino.

Non esiste posto migliore di questo museo, che si definisce “il primo al mondo dedicato esclusivamente alla vodka”, per conoscere la storia d’amore tra la Russia e questo alcolico.

Il Russian Vodka Museum a San Pietroburgo ha riaperto in una nuova location al numero 4 di Konnogvardeysky Boulevard sotto lo stesso tetto del nuovo ristorante Russian VodkaRoom No. 1.

Il Russian Vodka Museum è il primo museo in Russia e nel mondo dedicato esclusivamente alla Vodka. Il museo offre un affascinante spaccato della storia, della cultura e delle tradizioni del bere della Russia. Durante la visita guidata del museo, i nostri ospiti potranno conoscere l'origine della vodka, le tradizioni culinarie russe, i re della vodka russa e capire lo stretto legame tra la storia dello stato russo e la storia di questa bevanda. Oltre a imparare qualcosa in più riguardo alla sua storia e alla sua produzione, è possibile anche ricevere consigli su come consumare questa bevanda.

I visitatori avranno più di un’opportunità per godersi qualche assaggio, persino in una ricostruzione verosimile di un bar in stile sovietico, anche detto ryumochnaya, dove tradizionalmente i clienti bevevano stando in piedi appoggiati ad alti tavoli.

Ma questa replica differisce dall’austera versione sovietica per un dettaglio essenziale: 240 sono i tipi di vodka serviti in questo bar.

Dato che nessun russo si sognerebbe mai di bere vodka senza mangiare qualcosa, ai visitatori vengono offerti cetriolini sottaceto, acciughe su fette di pane integrale e lardo con mostarda sempre su pane integrale.