Lo svekolnik

Un’altra zuppa fredda, parente del famoso borsch. Mentre una scodella di borsch può equivalere a un pasto completo, questa minestra leggera e facile da preparare è più precisamente una bevanda che si serve fredda, accompagnata da croccanti verdure fresche. Non c'è niente di meglio di uno svekolnik in una giornata afosa d'estate.

La cucina russa, ovviamente, subisce anche una trasformazione: molti dei piatti sostanziosi e nutrienti, pensati per aiutare a trascorrere l’inverno, cedono il passo, con l’arrivo della stagione calda, a un menù più fresco e leggero.

Una di queste prelibatezze è lo svekolnik, un parente prossimo della più famosa delle zuppe russe: il borsch. Mentre una scodella di borsch può equivalere a un pasto completo, questa minestra leggera e facile da preparare è più precisamente una bevanda che si serve fredda, accompagnata da croccanti verdure fresche. Non c'è niente di meglio di uno svekolnik in una giornata afosa d'estate.

Ingredienti

Preparazione

Lavate le verdure.

Stufate le bietole e le carote separatamente. Lasciatele raffreddare, dopodiché tagliatele a listarelle. Conservate l’acqua delle bietole per il brodo.

Sbucciate i cetrioli e tagliateli a listarelle.

Tagliate i cipollotti a dadini e conditeli con il sale.

Passate il brodo di bietole e unitelo alle verdure.

Aggiungete sale, zucchero, succo di limone, aceto o succo di cetrioli sottaceto, pepe, prezzemolo e aneto. L’idea è ottenere un sapore agrodolce, ma molto più acido che dolce, pertanto cercate di essere generosi con l’aceto o il succo di cetrioli sottaceto.

Prima di servire, aggiungete un cucchiaio di panna acida e mezzo uovo sodo in ogni scodella.

Potete aggiungere salsicce o prosciutto a dadini. L’aggiunta di patate lessate renderà lo svekolnik più pesante e più succulento.

Se volete, potete aggiungere 50 grammi di rafano piccante e un cucchiaio di mostarda, oppure una fetta di limone, in ciascun piatto prima di servire la zuppa.